Venerdì, 24 maggio 2019

I dischi inglesi più belli di sempre

Definitely maybeSolitamente sono classifiche stilate durante gli ultimi mesi di ogni anno, un po' per gioco, un po' perché comunque viene sicuramente più spontaneo tracciare dei bilanci. La prestigiosa rivista musicale "Q Magazine" ha invece recentemente pubblicato, in collaborazione con la catena di negozi HMV, la classifica dei 50 dischi di artisti britannici più belli di sempre. Quello che sembrava un primo posto scontato a favore dei Beatles è invece andato agli Oasis con il loro album d'esordio "Definitely maybe" e così anche il secondo con "(What's The Story) Morning Glory". I fab four sono soltanto al quarto posto con "Revolver", preceduti da "Ok computer" dei Radiohead. A seguire, altri due dischi della band dei fratelli Gallagher, il primo degli Stone Roses e poi i gruppi storici del rock d'oltremanica: Clash, Pink Floyd, Depeche Mode, Smiths, Queen, Keane e Arctic Monkeys. Unica presenza femminile in tutta la classifica, la pluripremiata Amy Winehouse.

Ecco la classifica completa:
01. “Definitely maybe” – Oasis
02. “(What's the story) Morning glory?” – Oasis
03. “OK computer – Radiohead”
04. “Revolver” – Beatles
05. Stone Roses – “The Stone Roses”
06. “Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band” – Beatles
07. “London calling” – Clash
08. “Under the iron sea” – Keane
09. “Dark side of the Moon” - Pink Floyd
10. “Urban hymns” – Verve
11. “The bends” – Radiohead
12. “Abbey Road” – Beatles
13. “Hopes and fears” – Keane
14. “Don't believe the truth” – Oasis
15. “Violator” - Depeche Mode
16. “The Queen is dead” – Smiths
17. “A night at the opera” – Queen
18. “Whatever people say I am…” - Arctic Monkeys
19. “The white album” – Beatles
20. “Never mind the bollocks…” - Sex Pistols
21. “Rubber soul” – Beatles
22. “Be here now” – Oasis
23. “Absolution” – Muse
24. “Rio” - Duran Duran
25. “Parklife” – Blur
26. “A rush of blood to the head” – Coldplay
27. “The holy Bible” - Manic Street Preachers
28. “Origin of symmetry” – Muse
29. “IV” - Led Zeppelin
30. “The wall” - Pink Floyd
31. “Up the bracket” – Libertines
32. “X&Y” – Coldplay
33. “Who's next” – Who
34. “Black holes and revelations” – Muse
35. “Back to black” - Amy Winehouse
36. “Songs of faith and devotion” - Depeche Mode
37. “Word gets around” – Stereophonics
38. “The fat of the land” – Prodigy
39. “Different class” – Pulp
40. “In rainbows” – Radiohead
41. “Hunky dory”- David Bowie
42. “Favourite worst nightmare” - Arctic Monkeys
43. “Everything must go” - Manic Street Preachers
44. “Wish you were here” - Pink Floyd
45. “Behaviour” - Pet Shop Boys
46. “Ziggy Stardust” - David Bowie
47. “Parachutes” – Coldplay
48. “Exile on Main Street” - Rolling Stones
49. “Unknown pleasures” - Joy Division
50. “Let it bleed” - Rolling Stones.

- Almanacco del 19 febbraio -

1981 - George Harrison viene condannato a una multa di 587.000 dollari per "plagio inconscio". Il suo brano (e più grande successo da solista) "My Sweet Lord" assomiglia troppo, secondo il giudice, ad un altra canzone degli anni '60 delle Chiffons intitolata "He's So Fine".
1986 - Scompare a Siena l'attore Adolfo Celi. Moltissimi i ruoli interpretati in diversi film con importanti registi. Lo ricordiamo in "Sandokan" e nella trilogia di "Amici miei".

Compiono oggi gli anni: Fiordaliso (cantante) 53, Jeff Daniels (attore) 53, Seal (cantante) 45, Veronica Pivetti (attrice) 43, Benicio Del Toro (attore) 41, Gianluca Zambrotta (calciatore) 31.

 

Martedì, 19 febbraio 2008