Lunedì, 28 settembre 2020

Death Cab For Cutie - "Plans"

Death Cab for Cutie , PlansEsistono circuiti sotterranei musicali dai quali a volte emergono cose interessanti. Gli inglesi hanno coniato un temrine per definire tutto questo: "indie". Non stupitevi quindi se alla vostra domanda "Che musica ascolti?" qualcuno vi risponderà con quel termine. E soprattutto non stupitevi se vi sentirete "sparare" il nome di un quartetto americano di Bellingham (Washington) che, dopo quattro album "indie", ha firmato per una major. Si chiamano Death Cab For Cutie e il loro quinto lavoro "Plans" ha già venduto oltre 500.000 copie negli Stati Uniti guadagnando una nomination agli ultimi Grammy Awards nella categoria "Best Alternative Music Album". Qualcuno li conoscerà già ma il battuage promozionale massiccio è cominciato solo da poco, supportato anche dal tour americano dei Franz Ferdinand per i quali i Death Cab For Cutie aprono i concerti. In questo periodo sta girando anche nelle radio europee il loro secondo singolo estratto dall' album intitolato "Crooked Teeth".

Sbirciando sul web abbiamo trovato alcune definizioni su questo disco che ci trovano abbastanza d'accordo: linea melodica semplice e raffinata, ben arricchita da ricami chitarristici leggeri con le tastiere altrettanto lievi e una piacevole rotondità della sezione ritmica. Sono caratteristiche soprattutto riscontrabili nel primo, e quasi sconosciuto, estratto da "Plans" intitolato "Soul meets body", tipica canzone pop, anzi indie-pop.

Tuttavia chi conosce già bene i Death Cab For Cutie avrà notato la mancanza di ruvidità e di un certo taglio rock che invece ha caratterizzato i loro precedenti lavori. Qui non mancano riferimenti ed ispirazioni ai "soliti" Beatles. Possiamo infatti tranquillamente affermare che "Your heart is an empty room" strizza molto l'occhio ai Fab Four. Ascoltare per credere. Come sempre, vi invitiamo a dire la vostra su questo disco che, pare, sarà una delle sorprese di questo 2006 appena cominciato.

Giovedì, 16 febbraio 2006